Salta al contenuto principale

FAQ

Domande & risposte

FAQ Systema RAI

Piattaforme

SaaS sta per Software as a Service ed è un sotto-segmento del cloud computing. Il modello SaaS si basa sul principio che il software e l'infrastruttura IT sono gestiti da un fornitore di servizi IT esterno e utilizzati dal cliente come servizio. L'installazione locale non è più necessaria per l'uso; tutto ciò che è necessario è una connessione Internet per accedere al software tramite un comune browser web.

Il modello SaaS elimina i costi operativi per la vostra infrastruttura IT. L'operatore della soluzione SaaS si fa carico della completa amministrazione IT e di altri servizi come i lavori di manutenzione e gli aggiornamenti del software. Inoltre, il cliente beneficia della possibilità di evoluzione del servizio, per cui viene assicurata dal gestore un'espansione del sistema dovuta ad un aumento dei requisiti di prestazione o ad esigenze di spazio di archiviazione.

Le moderne piattaforme SaaS soddisfano i più alti requisiti di sicurezza, uno dei motivi per cui il modello SaaS è così vantaggioso. Il servizio viene controllato regolarmente per mantenere permanentemente alta la protezione contro l'accesso non autorizzato.

Se lo si desidera, durante la configurazione del nuovo sito RAIsoft.net del cliente, è possibile limitare l'accesso alla soluzione SaaS. Per impostazione predefinita, l'accesso è già limitato tramite il geoblocking.

I dati e l'infrastruttura SaaS si trovano in un moderno centro dati nella zona di Zurigo.

Secondo il contratto, l'operatore garantisce una disponibilità del 99%. Tuttavia, l'attuale disponibilità misurata è vicina al 100%.

Il principio di base del SaaS è la condivisione di una piattaforma comune e lo sfruttamento dei vantaggi che ne derivano in termini di costi, sicurezza, scalabilità, manutenzione e ulteriore sviluppo. I prezzi attuali si basano su questo approccio. Teoricamente, la piattaforma può anche essere costruita internamente presso il cliente, ma questo caso non è attualmente previsto perché contraddice l'approccio SaaS e quindi tutti i vantaggi vengono persi. I clienti che insistono nell'aggiornamento saranno messi in attesa fino al completamento del rollout per i clienti che vogliono approfittare del SaaS. Dopo di che, verrà fatta una valutazione individuale dei costi aggiuntivi per quei clienti che hanno bisogno di un'installazione locale. È evidente che Q-Sys non potrà fare alcuna promessa di supporto per i clienti con installazione locale come per la piattaforma SaaS, poiché l'installazione non rientra nella nostra sfera di influenza.

Migrazione

Una migrazione segue grosso modo la procedura seguente, divisa in 3 fasi:

Preparazione:

  1. 1. Il cliente richiede un'offerta tramite il [formulario online].
  2. 2. Q-Sys prepara un'offerta scritta per il cliente, che viene spedita in formato PDF per e-mail.
  3. 3. Il cliente conferma formalmente l'offerta.
  4. 4. Il fornitore di servizi tecnici Interna contatta il cliente per discutere i dettagli (compresa la data di passaggio ed il nome del futuro sito internet SaaS) e per pianificare l'eventuale necessità di formazione complementare.
  5. 5. Interna inizia l'implementazione del sito internet client SaaS e pianifica i lavori di conversione restanti.

Esecutione:

In gnerale, la migrazione comincia a fine pomeriggio e termina durante o alla fine della giornata seguente. Durante questo periodo, il sistema precedente continuerà ad essere disponibile in sola lettura e le interfacce non trasmetteranno piu' dati. Se necessario, il cambiamento puo' anche avvenire nel week-end.

  1. Al momento convenuto, il sistema del cliente verrà messo in modalità sola lettura, al finr di permettere la migrazione dei dati.
  2. Interna, partner informatico di Q-Sys, effettuerà la migrazione dei dati e l'implementazione sul sito del client SaaS.
  3. Tutte le interfacce vengono ugualmente migrate.
  4. Vengono effettuati differenti test sull'applicazione e sulle interfacce.
  5. Il sito internet del cliente SaaS vien reso disponibile al cliente.

Iniziare con il nuovo sistema:

Q-Sys fornisce dei contenuti video gratuiti ai clienti per spiegare le nuove funzionalità del sistema e il modo di passare alla piattaforma SaaS. Se necessario, puo' essere organizzata anche una formazione supplementare (online o sul posto) ad un costo aggiuntivo.

  1. Gli utilizzatori del cliente s'informano sulla nuova piattaforma SaaS tramite i video.
  2. La persona responsabile RAI verifica che l'applicazione fornita sia completa e lo accetta formalmente.
  3. Dopo il passaggio, l'indirizzo dell'assistenza abituale rimane disponibile per il cliente, in modo che quest'ultimo possa segnalare eventuali problematiche emerse.
  4. Il cliente riceve la fattura finale per i lavori di conversione effettuati e l'adattamento verso il nuovo modello di licenza.

Oggi ogni istituzione di solito memorizza i suoi dati nel proprio database. Per gruppi di aziende o istituzioni sotto una gestione comune, il passaggio a RAIsoft.net offre la possibilità di unire i dati in un database centrale. Questo riduce significativamente lo sforzo e il tempo necessario per l'effettiva migrazione. I costi per il consolidamento preliminare dei dati sono offerti separatamente e secondo le spese. Pertanto contattiamo in anticipo proattivamente tutti i gruppi aziendali e gli enti patrocinanti diverse istituzioni, al fine di chiarire questo aspetto.

Interfacce

Le vecchie interfacce amministrative A e B (dati di fatturazione e dati dei residenti) cosi come PDoc rimangono disponibili senza cambiamenti di contenuto. Al fine di armonizzare la logica, le interfacce AB saranno tuttavia elencate e fatturate separatamente in futuro. L'interfaccia C-Files (riammissione) non é piu' disponibile, dato che non é stata richiesta dai clienti fino ad oggi.

L'interfaccia ePDok Admin (file dei dati di base) sarà raggruppata con l'interfaccia Admin di RAIsoft. Barcomed, Momo e la pianificazione delle prestazioni sono in corso di pianificazione/sviluppo. Medifilm sarà riprogettato.

  • RAIsoft: Per la comunicazione con la piattaforma SaaS, forniamo i servizi corrispondenti alle installazioni locali. Dal punto di vista di fornitori terzi di interfacce, tecnicamente resta tutto invariato.
  • ePDok: Le interfacce sono basate sulla stessa piattaforma SaaS di RAIsoft. Dal punto di vista dei fornitori terzi di interfacce, non bisogna attendersi dei cambiemanti.
  • RAIsoft: i fornitori terzi scrivono su file di testo o tabelle di database come prima. I nostri nuovi servizi assicurano il trasferimento dei dati da e verso la piattaforma Saas.
  • ePDok: i dettagli tecnici non sono ancora disponibili.

Sì, la piattaforma Saas ha una gamma completa di interfacce basate su REST API. Vi invitiamo a contattare la direzione del progetto se avete delle domande.

Cartella informatizzata del paziente (CIP)

Il cartella informatizzata del paziente (CIP) è una raccolta di documenti personali contenenti informazioni relative alla salute dei residenti. Queste informazioni sono accessibili in qualsiasi momento attraverso una connessione internet sicura. Dal 2022, le case di riposo e di cura saranno obbligate a rendere le informazioni sanitarie dei loro residenti accessibili nella CIP. La legge federale sul dossier elettronico del paziente regola le condizioni quadro per l'introduzione e la diffusione del dossier elettronico del paziente. Potete trovare maggiori informazioni qui.

Attualmente supponiamo che, in una prima fase, la connessione CIP sia rilevante soprattutto per i clienti con la documentazione di cura ePDok. La specifica è lo scambio di dati rilevanti per il trattamento attraverso la CIP; a nostra conoscenza, una definizione più precisa non è ancora disponibile.

Concordiamo con la raccomandazione di CURAVIVA secondo cui le istituzioni soddisfano inizialmente solo i requisiti minimi e utilizzano il portale web della comunità di base. La versione attuale di ePDok Client permette già di creare facilmente un PDF a partire dai "rapporti" importanti e di trasmetterli manualmente alla CIP tramite il portale web. Nonostante la raccomandazione, proporremo con la versione completa di ePDok.net un'opzione a pagamento per l'integrazione approfondita di ePDoc.net nella CIP. L'utilizzo di questa opzione faciliterà a medio termine lo scambio di dati, soprattutto per i medi e grandi istituti. I prezzi varieranno in funzione della grandezza dell'istituto.

I prezzi variano in funzione della grandezza dell'istituto. Possiamo inviarvi volentieri un'offerta corrispondente. In questo senso potete rivolgervi al nostro servizio amministrativo.

ePDok.net

Diversi aspetti (tra i quali l'integrazione nella CIP, la messa in pratica a breve dell'EMAp) hanno posticipato il completamento all'estate del 2022. Durante il secondo trimestre 2022 saremo pronti con i contenuti essenziali e potremo effettuare le prime installazioni pilota presso i clienti ePDok. ePDokLITE con le funzioni base (adattata ai piccoli istituti fino a 19 letti) è disponibile da febbraio 2022.

In termini di contenuto e funzionalità ePDok.net avrà circa la stessa portata. L'interfaccia moderna, l'indipendenza dal dispositivo e l'integrazione con RAIsoft.net in un'unica interfaccia renderanno il lavoro più facile in futuro. La nuova versione di ePDok sarà anche completamente basata sul web ed eseguita sulla stessa piattaforma SaaS su cui sono già disponibili RAIsoft.net (NH) e interRAI HC. Grazie alla piattaforma comune la gestione di tutti i moduli/strumenti è centralizzata in un punto. Inoltre l'uso di ePDok.net non richiede più un'installazione locale di software, è eseguibile su tutti i comuni browser Internet (ad esempio Chrome, Edge, Firefox, Safari) nella versione attuale. Il software è anche completamente reattivo, cioè si adatta automaticamente al dispositivo finale e alle dimensioni dello schermo su cui viene utilizzato (ad esempio smartphone, tablet, notebook, PC).

Fondamentalmente sono di nuovo disponibili tutte le funzioni precedenti già disponibili nella versione client server. Molte funzioni o liste sono state ottimizzate rispetto alla versione precedente. Per esempio, un elenco di viste può essere filtrato e ordinato con un clic. Nuovo è ad esempio la disponibilità dei cosiddetti dashboard per una sintesi compatta e la visualizzazione di informazioni in primo piano. Altre funzioni pianificate sono la connessione CIP (cartella informatizzata del paziente) o l'integrazione di un archivio esterno di file (ad esempio SharePoint, OneDrive o simili).

Potete scrivere a Link e vi forniremo un'offerta individuale per il passaggio a ePDok.net

ePDokLITE é una nuova offerta vantaggiosa per i piccoli istituti fino a 19 letti che desiderano utilizzare le funzionalità base di un dossier di cura. La versione ePDokLITE contiene gli elementi centrali seguenti : dati di base, medicamenti, decorso di cura, piano di cura (piano standard e piano individuale), agenda e documentazione delle ferite e della cute, e risponde quindi alle esigenze di base per la giustificazione dei gruppi RUG. Si basa sulla stessa piattaforma di RAIsoft.net, offrendo dunque gli stessi vantaggi (basato sul web, disponibilità e manutenzione centralizzate) ed integrato in modo ottimale con RAIsoft.net. L'applicazione é disponibile nelle tre stesse lingue di RAIsoft.net.

Come per RAIsoft.net, implementeremo delle sessioni dimostrative gratuite per ePDokLITE.net. Per i clienti ePDok esistenti e rientranti in questa categoria, é possibile una transizione verso ePDokLITE.net. In caso di bisogno, vogliate contattarci a info@qsys.ch. Troverete maggiori informazioni su site web.

Strumenti di base

La nuova piattaforma SaaS fornirà lo strumento interRAI HC Svizzera. La versione precedentemente disponibile sulla piattaforma client/server non sarà disponibile sulla nuova piattaforma. Quando si passa alla piattaforma SaaS, i clienti HC esistenti passeranno quindi alla nuova versione interRAI HC.

interRAI LTCF é stato adattato e tradotto per la Svizzera. L'integrazione in RAIsoft.net dovrebbe essere terminata in agosto 2022. Vogliate notare che interRAI LTCF sarà disponibile solo sulla piattaforma RAIsoft SaaS.

Licenza & prezzi

I prezzi per un passaggio a RAIsoft.net dipendono sia dalle dimensioni dell'istituto (numero di letti nel settore delle cure di lunga durata o di persone nel settore ambulatoriale), sia dall'utilizzo dell'ambito delle funzioni utilizzate (NH, HC, ePDok, interfacce). Per la migrazione viene applicata una tariffa per modulo e per interfaccia. Saremo lieti di fornirvi un'offerta corrispondente.

Le tasse annuali per tutti i prodotti su SaaS sono più alte delle precedenti tasse annuali di un'installazione in loco. Diverse ragioni hanno portato ad un aumento delle tasse annuali: La tecnologia moderna, la piattaforma è ora gestita da BESA QSys, gli aggiornamenti delle applicazioni (update) sono inclusi nel prezzo, tasse più alte per i partner di licenza e altro. Saremo lieti di sottoporvi un'offerta adeguata.

Potete conttattare tramite questo link e realizzare insieme un preventivo personalizzato per il cambiamento.

Quando si passa alla piattaforma SaaS, il file di licenza non è più necessario, poiché il rispetto dell'uso della licenza concordato contrattualmente può ora avvenire in modo centralizzato. Le tariffe per le licenze annuali sono ora progettate in 10 scale fino al numero massimo richiesto (9999), in modo che il numero effettivo di letti/persone perda importanza.

Contatto progetto

Carlo Riederer
Responsabile dello sviluppo e dell'innovazione IT
c.riederer@besaqsys.ch

Aggiorniamo costantemente la nostra rubrica FAQ. Verificate se la vostra domanda non sia già stata posta su www.qsys.ch/it/faq. Altrimenti, potete scrivere all'indirizzo e-mail webversion@qsys.ch e prenderemo contatto con voi.

interRAI LTCF Svizzera
  • interRAI: "inter" sta per "internazionalità" degli strumenti e della comunità di ricerca. Dalla nuova generazione di strumenti (2005), gli strumenti sono stati denominati "interRAI" (e non più "RAI").
  • LTCF: sta per Long Term Care Facilities e sostituisce il precedente "NH" (= Casa di cura). È il nome utilizzato a livello internazionale per lo strumento di valutazione delle persone anziane negli istituti di lungodegenza.
  • Svizzera: perché lo strumento internazionale conterrà specificità svizzere.
  • Con il passaggio a interRAI ci avviciniamo allo strumento originale internazionalmente convalidato, mantenendo le specificità svizzere. Ciò significa garanzia di qualità per un’applicazione scientificamente riconosciuta.
  • Sono presenti alcune nuove definizioni e le possibilità di codifica sono più chiare, allo scopo di ottenere una migliore efficienza. Il risultato è una maggior significatività ed affidabilità della valutazione.
  • L’insieme dei diversi strumenti di valutazione da parte di interRAI consente di valutare in modo univoco la stessa area tematica in contesti differenti (Core Items). La voce “bagno, doccia” compare sia nello strumento interRAI Community Mental Health Svizzera (punto H2h), sia in interRAI Home Care Svizzera (punto G2a), sia nel futuro interRAI LTCF Svizzera (punto H1a). Lo stesso punto viene dunque valutato univocamente, indipendentemente dal contesto.
  • I nuovi CAPs (Clinical Assessment Protocols) e le scale degli strumenti interRAI sono più appropriati alle conoscenze specialistiche odierne. Nei prossimi anni questi verranno aggiornati da un gruppo di ricerca internazionale e i manuali svizzeri saranno adattati di conseguenza.
  • Un grande vantaggio di interRAI sono le numerose scale. Queste incrementano le possibilità di argomentare le considerazioni cliniche.
  • La nuova fase di documentazione sarà ridotta da sette giorni a tre giorni, in conformità con gli standard internazionali.
  • Con la valutazione interRAI LTCF Svizzera saranno necessari alcuni adattamenti all'attuale algoritmo dei gruppi RUG iso risorse, dato che il periodo di osservazione sarà parzialmente ridotto, le scale di codifica di alcuni items modificate e altri punti saranno omessi o sostituiti da nuove definizioni.
  • Nonostante questo, la maggior parte del meccanismo attuale dei gruppi RUG iso risorse rimane invariato e può essere rappresentato in modo praticamente identico con interRAI LTCF Svizzera (in particolare per quanto concerne CPS, indice ADL da 4 a 18, definizioni dei gruppi principali).

Abbiamo organizzato una seduta informativa nel secondo trimestre 2021 per le autorità cantonali sulle nuove versioni interRAI e alcuni cantoni hanno già validato il passaggio a interRAI LTCF. Vogliate rivolgervi alla vostra associazione cantonale in caso di domande sulla situazione nel vostro cantone.

Su RAIsoft.net, interRAI LTCF Svizzera sarà probabilmente disponibile per i primi clienti a partire da agosto 2022. La precedente migrazione a RAIsoft.net é una condizione vincolante per l'introduzione di interRAI LTCF.

RAI-D/N

Questa abbreviazione significa „Resident Assessment Instrument per Utenti di giorno o notte.

Le due lettere D/N corrispondono alle parole inglesi „Day/Night“.

Il RAI-D/N è un modello di finanziamento e documentazione sviluppato appositamente per la Svizzera nel 2015. Non fa parte degli strumenti interRAI, ma rimane riconosciuto anche dopo l'introduzione di interRAI e può continuare ad essere applicato nella pratica.

L'istituto deve soddisfare i requisiti legali secondo l'art. 39 comma 1 lett. a-c della LAMal e richiedere in anticipo un numero RCC per l'applicazione del RAI D/N. La domanda può essere fatta tramite il sito web: www.sasis.ch

Le istituzioni necessitano di un permesso speciale per gestire strutture diurne e notturne e di un mandato di prestazioni ove il cantone lo prevede.

Se l'istituzione si trova in un cantone dove solo il sistema BESA è permesso come strumento di valutazione dei bisogni, è necessaria una decisione del governo cantonale che permetta il RAI D/N come base per il finanziamento.

In questo caso e in mancanza di conoscenze RAI, si raccomanda di frequentare preventivamente un corso per coordinatori RAI-NH MDS, per comprendere il contesto. In alternativa, c'è la possibilità di svolgere un coaching specifico in loco.

Inoltre, in questo caso, RAIsoft deve essere installato. La formazione avrà luogo sul posto. Come ulteriore prerequisito è necessario un manuale RAI-D/N.

Se la struttura lavora già con RAI-NH è necessario un aggiornamento di RAIsoft con licenza D/N. La licenza potrebbe quindi dover essere estesa per quanto riguarda il numero di ospiti D/N. Inoltre, è necessaria un'introduzione o un coaching di implementazione per RAI-D/N.

  • Installazione del Software RAIsoft incl. Formazione sul posto (se nuovo)
  • Frequenza di un corso di Coordinatore MDS RAI-NH (se nuovo)
  • Update del Software RAIsoft con interfaccia RAI-D/N (se RAIsoft già in uso)
  • Acquisto Manuale RAI-D/N (almeno una copia)
  • Partecipazione a un corso di formazione per utenti RAI-D/N. Questo può anche essere erogato in loco per diversi partecipanti dell'istituzione.

Potete contattare Q-Sys AG per telefono o e-mail, richiedendo di informare il responsabile RAI D/N del vostro interesse. Vi preghiamo di fornire il vostro numero di telefono e di annotare tutte le vostre domande sul RAI D/N, in modo che possano essere chiarite al telefono.

  • Introduzione del RAI-D/N nel vostro istituto
  • Corso di mezza giornata RAI-D/N
  • Seduta online di due ore per chiarire le domande ed avere una buona preconoscenza
  • Coaching tematico in loco con più partecipanti (con poche preconoscenze o desiderio di aggiornamento)
  • Chiarimento di domande individuali tramite l'Infoline di BESA QSys AG

I residenti D/N non possono essere descritti nel rapporto giornaliero di cura in RAIsoft e la registrazione continua di ammissioni, dimissioni e riammissioni richiederebbe troppo tempo:

  • Definire un reparto separato per i residenti D/N in RAIsoft.
  • Inserire tutti i residenti D/N in questo reparto senza mostrare la presenza effettiva.
  • Escludere il reparto dei residenti D/N quando si crea il rapporto dei giorni di cura e, se necessario, prendere in considerazione i relativi giorni di cura manualmente per le statistiche.
Implementazione del Foglio esplicativo 5.30

Conformemente alle disposizioni della revisione dell'OPre 2020, il modello di finanziamento deve basarsi su uno studio dei tempi riconosciuto scientificamente. In tal modo, solo i modelli di finanziamento basati su studi dei tempi risultano validi a livello nazionale e non ci saranno piu' soluzioni cantonali (Fogli esplicativi 5.19, 5.22, 5.27) in futuro, ma solo il Foglio esplicativo 5.30 per i gruppi iso-risorse di cura con l'Indice-CH 2016 per il RAI-NH. Quasi tutti i cantoni hanno introdotto il nuovo modello di finanziamento RAI Indice-CH 2016 (e da parte di BESA il catalogo prestazioni 2020). I clienti dei cantoni di Berna, Glarona, Turgovia e Lucerna sono pregati di rivolgersi alla loro associazione cantonale per conoscere la situazione nel loro cantone.

Secondo la decisione del Tribunale federale del 7 ottobre 2019, la decisione sullo strumento o sugli strumenti di valutazione dei bisogni di cura utilizzati è responsabilità e competenza dei Cantoni. Gli istituti di cura devono rispettare questa decisione cantonale. Tuttavia, è essenziale che gli assicuratori malattia siano informati prima del cambiamento, preferibilmente dall'associazione cantonale di riferimento.

Vogliate rivolgervi alla vostra associazione cantonale delle CPA, dato che si tratta di una decisione politica sulla quale la società BESA QSys AG non ha alcuna influenza. Di base, é sempre possibile procedere al cambiamento dall'inizio del mese.

No. La competenza decisionale appartiene al cantone. E' tuttavia essenziale che gli assicuratori malattia siano informati prima del cambiamento, preferibilmente dall'associazione cantonale delle CPA.

  • Adattamento dei valori in minuti in funzione dei nuovi risultati dello studio dei tempi Curatime. 11 gruppi iso-risorse vengono valutati piu' alti e 2 gruppi iso-risorse piu' bassi.
  • Nuova definizione / calcolo dei RUGs.
  • CPS come differenziazione per i gruppi PD e PE (valutazione meglio corrispondente al carico di cura reale dei residenti affetti da deficit cognitivi / reparti con demenze).
  • Nuova differenziazione PA1 (con G1jA)

No. Il cambiamento avviene solo a "livello tecnico". Durante il passaggio, una "valutazione di correzione" viene importata automaticamente in RAIsoft per ogni residente, con evidenziata la classificazione sulla base del nuovo modello di finanziamento.

Il tempo richiesto è limitato all'evento informativo (circa 3 ore) e all'aggiornamento con l'azienda Interna informatik. Nel caso emergano nuovi criteri dei gruppi RUG, la pianificazione di cura deve essere adattata fino alla prossima valutazione.

Si

  • solo passaggio all'Indice-CH 2016: CHF 900.- / istituto
  • con aggiornamento RAIsoft: CHF 900.- + CHF 160.- / ca. 60 min
  • con aggiornamento ePDok: CHF 900.- + Fr. 260.- / ca. 90 min

La società Q-Sys propone piu' possibilità per passare correttamente al nuovo modello di finanziamento.

  • Formazione pubblica tramite Zoom, durata 2 ore.
  • Atelier formativo interno tramite Zoom per max. 15 partecipanti con supporto del progetto specializzato, durata 3 ore.

 

Dettagli e iscrizione presso il segretariato allo 071 228 80 90 o info@qsys.ch

 

Vogliate notare:

Questi eventi non potranno tuttavia aver luogo fino a che non sia stata data "luce verde" a livello politico dal governo cantonale per l'introduzione.